“La parte del Leone” in prima mondiale a Venezia

La rassegna cinematografica più antica del mondo, con le sue 80 edizioni, raccontata attraverso interviste storiche e inedite, un ricco repertorio di immagini di archivio e la voce narrante di Carla Bruni: “La parte del Leone”, il documentario di Baptiste Etchegaray e Giuseppe Bucchi – prodotto da Canal Plus e da Rai Com, con la supervisione editoriale di Rai Cultura – ripercorre le tappe cruciali e i momenti significativi della Mostra del Cinema di Venezia che, fin dalla sua nascita nel 1932, non ha mai smesso di essere lo specchio del suo tempo e parte integrante della storia culturale italiana. Diviso in tre capitoli, il documentario si apre con “Venezia la glamour”, quella delle grandi star come Sophia Loren, Virna Lisi, Gina Lollobrigida, Brigitte Bardot, fino a Penelope Cruz, Monica Bellucci e Cate Blanchett, più volte sul podio a Venezia e vincitrice della Coppa Volpi nel 2007 e nel 2022.

Anteprima ‘segnaposto’, inserire i dati prima della pubblicazione!

Il secondo capitolo è dedicato alle epoche tumultuose della Mostra, ai momenti più carichi di tensione che vanno dalla proiezione dell’angosciante “Dr. Jekyll e Mr. Hyde”, della prima edizione del 1932, agli anni della Nouvelle vague, celebrata a Venezia come in nessun altro luogo al mondo. Nella terza parte, “Venezia la scopritrice”, la Mostra è rappresentata come vetrina di nuovi talenti: Pedro Almodovar, Emir Kusturica, Wim Wenders, Akira Kurosawa, Jane Champion, sono solo alcuni della lunga lista di artisti che al Lido vengono scoperti e trovano la loro consacrazione. Ne “La parte del Leone” le voci di attori e di grandi cineasti, come Penelope Cruz, Tilda Swinton, Fellini, Antonioni, Guadagnino – insieme a molti altri – si mescolano alle immagini,  in bianco e nero e a colori dei red carpet, delle favolose feste sulla spiaggia dei grandi alberghi, della folla dei fan in visibilio, in attesa delle star. E, ancora, le sequenze delle proteste e degli scandali, come quello suscitato dalla proiezione de “La passione di Cristo” di Scorsese nel 1988. “Si corre alla Mostra per vivere emozioni esacerbate che durano il tempo di un film: si ama, si odia, si bisticcia dopo. – dice la voce fuoricampo di Carla Bruni. – Niente alla fine, ha più importanza del cinema”. “La parte del Leone” sarà presentato alla Mostra in prima mondiale, sabato 2 settembre.