Un’ora e mezzo per salvare il mondo