RAI ERI: L’ANIMA DI UN LUOGO DI FRANCO DI MARE

Il paese di Bauci è un luogo dell’anima: esiste solo sulla carta, si ispira nel nome a una delle celebri città invisibili immaginate da Italo Calvino ma non vi somiglia affatto: è in tutto e per tutto una cittadina del Sud Italia, con le sue bellezze, le sue ubbie e le sue macchiette. Ma che cos’è un luogo dell’anima? come nasce una città di fantasia? come la si “popola” di personaggi? Franco Di Mare ci racconta la sua versione dei fatti, attingendo tanto alla sua esperienza di cronista quanto a quella di scrittore. Con il tono vivace e ironico che lo caratterizza, spiega come si possano ricavare dalla realtà i dettagli capaci di rendere vera e indimenticabile l’ambientazione delle proprie storie; mette in guardia contro la tentazione del cliché; illustra il momento magico in cui vicende, luoghi e personaggi cominciano a vivere di vita propria, sorprendendo l’autore stesso ed entrando nell’immaginario dei lettori. E infine racconta le complessità del suo rapporto, da narratore, con la più sontuosa delle scenografie, a cui lo lega un contrastato amore: Napoli. La lezione preziosa di un autore che ha saputo creare luoghi immaginari amatissimi dal pubblico… e più veri della realtà.

Layout 1

Franco Di Mare, giornalista, entra nel 1991 alla Rai, dove si occupa di cronaca per il Tg2, prima di lavorare come inviato di guerra nei Balcani e poi come inviato in Africa e in America centrale. Dal 2002 passa al Tg1 ed è inviato di guerra in Afghanistan e in Iraq. Dal 2003 è conduttore televisivo. Dal 2005 conduce le finestre del Tg1 all’interno di “Uno Mattina”. Ha pubblicato numerosi romanzi di successo tra cui quelli ambientati a Bauci, Il caffè dei miracoli (2015) e Il teorema del babà (2016).

Roma, 25 Gennaio 2017