Efficiente e multitasking, sempre connesso tecnologicamente e pronto a intervenire nelle situazioni più difficili. Il ritratto di Pigroman? Non esattamente… La sua specialità, come indica la P ben riconoscibile sul suo classico costume da supereroe, è la pigrizia. Non c’è causa, per quanto nobile, che richieda troppa fretta nell’intervenire.  Prima pensiamoci. Troveremo senz’altro una scorciatoia più semplice, che eviti un inutile dispendio di preziose energie. Con questa filosofia, il “supereroe controvoglia” di Mariano Bruno è diventato involontariamente così popolare da dover vincere la sua famigerata pigrizia per scrivere addirittura, a grande richiesta, un’autobiografia. Il prodotto delle fatiche di Pigroman è un po’ la storia delle sue avventure, un po’ la raccolta delle sue amatissime favole classiche reinterpretate in chiave molto personale, da leggere oziosamente per ridere a crepapelle. E poiché non c’è storia senza una morale, si rivela anche un utile prontuario da sfoderare in tutte le situazioni di vita e di “lavoro”, per diventare anche noi supereroi: senza sforzarci troppo, naturalmente.

Mariano Bruno nasce a Napoli il 12 maggio 1979. Muove i suoi primi passi partecipando al corso di recitazione del Teatro Totò di Napoli ed emerge dal laboratorio che organizza ogni anno la Tunnel Produzioni presso il Teatro Tam di Napoli. Si afferma nel cast fisso di “Made in Sud”, in particolare proprio con il personaggio di un supereroe pigro e svogliato, Pigroman.

 

Roma, 22 Febbraio 2017